Sit-in a Pisa - le Organizzazioni Sindacali delle FF.OO. in piazza.

...chiediamo strumenti legislativi idonei che ristabiliscano la certezza della giusta pena con processi celebrati in tempi accettabili, ancor più per le vittime dei reati, e tutela per il personale che svolge il proprio dovere... #Siap

Perché Manifestiamo oggi, 18 luglio 2017, a Pisa.


Per dire basta all’ingerenza di quella politica che utilizza la sicurezza esclusivamente come tema elettorale per poi lasciare cittadini onesti e Forze di Polizia tutte senza soluzioni e senza risorse.

CHIEDIAMO strumenti legislativi idonei, che ristabiliscano la certezza della giusta pena con processi celebrati in tempi accettabili ancor più per le vittime dei reati e tutela per il personale che svolge il proprio dovere;
RAPPRESENTIAMO il forte e crescente malumore del personale della Polizia di Stato che si trova a fronteggiare situazioni di elevato rischio spesso causate da scelte politiche locali, che da un lato richiedono interventi per recuperare il controllo dell’ordine pubblico per problematiche sociali e situazioni urbane ormai degenerate ma, dall’altro, poco o nulla fanno per mettere un freno alla tolleranza di condotte che di quella degenerazione sono la radice finendo inevitabilmente per scaricare il tutto sulla polizia e sulle forze dell’ordine;
PRETENDIAMO aiuto e sostegno alle autorità competenti, rappresentando il totale abbandono in cui versa la struttura carceraria pisana e nei confronti della Polizia Penitenziaria che, abbandonata a sé stessa e vittima di un’Amministrazione Penitenziaria sorda, subisce continue aggressioni da parte di detenuti esagitati pretendendo che vengano rispettati gli standard di sicurezza ma soprattutto che venga creata una nuova struttura fuori dal centro abitato per prevenire e scongiurare attacchi provenienti dall’esterno, aumentando la forza organica della Polizia Penitenziaria, ormai allo stremo;
VOGLIAMO che le istituzioni che hanno specifica competenza in materia di sicurezza non elaborino solo ipotesi o facciano annunci mai concretizzati ma diano risposte serie e certe, coinvolgendo gli operatori della sicurezza.
AFFERMIAMO che i tutori dell’ordine, a prescindere dal colore della divisa, non siano costretti ad affrontare ogni fenomeno di degrado e criminalità ad armi impari, con organici sottostimati risalenti agli anni “80 e senza idonei strumenti legislativi;
RECLAMIAMO un rinforzo degli organici, ormai insufficienti e dall’età elevata, di tutte le Forze dell’Ordine operanti a Pisa e provincia, perché la sicurezza è data dall’insieme di chi vi si dedica professionalmente ed inizia in strada e finisce in carcere.

SIULP -SAP -  SIAP -  CONSAP- - UIL POLIZIA - LES - OSAPP - UILPA - UGL Polizia Penitenziaria 


Scarica le risorse allegate


Pubblicato martedì 18 luglio 2017 alle ore 12:45.
Ultima modifica martedì 18 luglio 2017 alle ore 12:53.
© Riproduzione riservata